Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Accetto

Lo Studio Crispino s’impegna nel fornirvi la migliore esperienza online durante la visita al nostro sito web. In tale processo utilizziamo cookie standard di terzi per ottenere i dati relativi al vostro comportamento online durante la visita ai nostri siti web e registriamo anche la frequenza delle vostre visite al nostro sito web. Raccogliamo le informazioni in forma anonima ed esse non vi identificano come individui, salvo il caso in cui presentiate la vostra candidatura per un lavoro, compiliate un modulo, rispondiate a un’indagine oppure vi registriate per ricevere degli avvisi tramite email mediante un servizio offerto dal nostro sito web. Se non desiderate accettare la presente Policy siete pregati di non continuare con l’utilizzo del nostro sito web.

PSR 2014-2020 (Agricoltura e Agroalimentare)

Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2014-2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) Sicilia 2014-2020 rappresenta lo strumento di finanziamento e di attuazione del Fondo europeo agricolo di sviluppo rurale (FEASR) dell’Isola. I fondi assegnati alla Sicilia costituiscono la maggiore dotazione finanziaria tra le regioni italiane a livello nazionale.

Esso si articola in 19 Misure di cui si attende la pubblicazione dei bandi, le misure di principale interesse riguardano in particolar modo l’ammodernamento, lo sviluppo la ristrutturazione del sistema produttivo agricolo ed agro-alimentare, attraverso la realizzazione di investimenti volti ad un più efficiente utilizzo dei fattori di produzione, all’introduzione di nuove tecnologie e di innovazione di processi oltre che al sostegno agli investimenti nelle infrastrutture connesse allo sviluppo, ammodernamento o adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura.

Si finanziano azioni volte all’avviamento di nuove imprese condotte da giovani agricoltori e la creazione e lo sviluppo di imprese extra-agricole per favorire il ricambio generazionale; si sostengono iniziative per la realizzazione di impianti per la produzione e la vendita di energia da fonti rinnovabili, iniziative di start-up extra agricole, investimenti funzionali all’avvio di attività di turismo rurale.

Alcune misure sono volte ad incoraggiare gli agricoltori verso la conversione all'agricoltura biologica ma si supportano inoltre forme di cooperazione tra i diversi operatori delle filiere, inclusi gli operatori dei settori della trasformazione e della commercializzazione.

Sono inoltre previste azioni a sostegno all’adesione a regimi di qualità e a  sostegno di attività di informazione, di promozione.

Nell’ambito del PSR Sicilia lo Studio Crispino si occupa di  ricerca bandi con contributo a fondo perduto in agricoltura e analisi delle opportunità di finanziamento; matching tra il profilo delle aziende e le opportunità offerte dai bandi; definizione della strategia per la presentazione di una proposta.

Lo Studio Crispino accompagna inoltre  le imprese nelle varie fasi di predisposizione e presentazione della proposta progettuale ma anche di gestione amministrativa, rendicontazione e  assistenza tecnica.

Qui di seguito le misure di principale interesse:

 

  • MISURA 3- Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari (art. 16)

    La misura risponde all’obiettivo di:

    - migliorare le prestazioni economiche delle aziende agricole e incrementarne il valore aggiunto

    - potenziare e sviluppare le produzioni agroalimentari di qualità; -assicurare maggiore garanzia per i consumatori su prodotti e metodi di produzione

    - migliorare la competitività dei produttori primari all’interno della filiera agroalimentare.

    L’adesione ai regimi di qualità e il sostegno alla promozione e informazione è di fondamentale importanza per il rafforzamento della competitività del settore agricolo e l’aumento del potere contrattuale dei produttori agricoli in un’ottica di valorizzazione delle produzioni siciliane e di rafforzamento della competitività basato sulla differenziazione delle produzioni di qualità rispetto a quelle tradizionali.

    Il sostegno alle attività di promozione e di commercializzazione dei prodotti regionali, inoltre, favorisce l’internazionalizzazione delle produzioni regionali di qualità e una maggiore tutela dei consumatori.

    È  prevista l’attivazione delle seguenti operazioni:

    Sottomisura 3.1- Sostegno alla nuova partecipazione degli agricoltori e delle associazioni di agricoltori ai regimi di qualità.

    -  Sottomisura 3.2- Attività di informazione, promozione e pubblicità.

  • MISURA 4- Investimenti in immobilizzazioni materiali (art. 17)

    La Misura 4 contribuisce all’obiettivo dell’ammodernamento e sviluppo di un sistema di imprese competitivo ed in particolare alla ristrutturazione e all’ammodernamento del sistema produttivo agricolo ed agro-alimentare, orientato al miglioramento del rendimento globale ed al miglioramento della competitività delle imprese sui mercati. L’obiettivo è perseguibile attraverso la realizzazione di investimenti volti ad un più efficiente utilizzo dei fattori di produzione, all’introduzione di nuove tecnologie e di innovazione di processi e prodotti, al miglioramento della qualità, alla diversificazione delle attività. La misura è destinata inoltre al sostegno agli investimenti nelle infrastrutture connesse allo sviluppo, ammodernamento o adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura; gli investimenti sono dunque mirati all’incremento dell’efficienza aziendale cercando di influire sulle prospettive economiche dei territori.

    SOTTOMISURA 4.1- Sostegno a investimenti nelle aziende agricole 

    BENEFICIARI

    Gli agricoltori e le associazioni di agricoltori.

      

    COSTI AMMISSIBILI

    - acquisizione, costruzione e/o miglioramento di beni immobili al servizio della produzione, dell’attività di allevamento, della lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti;

    - realizzazione di nuovi impianti, nonché la ristrutturazione e la riconversione colturale e varietale di colturali poliennali, l’acquisto di macchine ed attrezzature agricole nuove, di macchinari e attrezzature nuove per la conservazione, lavorazione, trasformazione e commercializzazione di prodotti;

    - acquisto e posa in opera di materiale ed attrezzature necessarie per prevenire i danni da fauna selvatica;

    - acquisto di attrezzature informatiche e telematiche finalizzate alla gestione aziendale, all’accesso a servizi telematici, al commercio elettronico;

    - realizzazione di strutture e dotazioni per la logistica aziendale;

    - realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

     

    SPESE NON ELEGIBILI

    - spese di investimento per l'acquisto di diritti di produzione agricola, di diritti

    all'aiuto, di animali, di piante annuali e la loro messa a dimora.

    - spese per l’acquisto di macchine, attrezzature e materiale usato.

     

    AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

    Il sostegno è concesso sotto forma di contributo in conto capitale e/o con strumenti finanziari, Il livello contributivo è pari al 50% del costo dell’investimento ammissibile ma, in alcuni casi, l’aliquota di cui sopra potrà essere maggiorata di un ulteriore 20%.

     

     

    SOTTOMISURA 4.2Sostegno alla trasformazione ed alla commercializzazione dei prodotti agroindustriali

     

    BENEFICIARI

    Gli agricoltori o gruppi di agricoltori, persone fisiche o giuridiche, PMI e grandi imprese.

    Non possono accedere le imprese in difficoltà ai sensi della normativa comunitaria in materia di aiuti di stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà.

     

    COSTI AMMISSIBILI

    Le spese ammissibili sono limitate alle seguenti voci:

    - costruzione, acquisizione o miglioramento di beni immobili (l’acquisto di fabbricati è limitato al 30% del valore complessivo del progetto );

    - acquisto di nuove macchine e attrezzature, compresi i programmi informatici, fino a un massimo del loro valore di mercato. Sono ammissibili solo macchine e attrezzature di tecnologia superiore di quella utilizzata prima dal beneficiario in termini di produttività, qualità del prodotto, risparmio energetico o effetto sull'ambiente;

    - le spese di trasporto e montaggio dei macchinari oggetto dell’aiuto;

    - acquisto di terreni edificabili per un costo non superiore al 10% delle spese ammissibili dell’investimento.

     

    SPESE NON ELEGIBILI

    -  impianti ed attrezzature usati;

    - gli investimenti effettuati allo scopo di ottemperare a requisiti comunitari obbligatori;

    - gli investimenti destinati a semplice sostituzione di impianti ed attrezzature esistenti;

    - l'acquisto di beni immobili usati che abbiano già fruito di finanziamento pubblico nel corso dei 10 anni precedenti.

     

    AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

    Il sostegno è concesso sotto forma di contributo in conto capitale e/o con strumenti finanziari.

    La dimensione finanziaria massima dell’investimento complessivo ammesso a finanziamento per ciascuna impresa, non potrà eccedere la somma di 10 milioni di euro (spesa pubblica e privata).

    Il sostegno può essere altresì concesso con aiuti “de minimis”,in tal caso l’importo complessivo dell’aiuto concesso a un’impresa unica non può superare i 200.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari con un’intensità di aiuto pari al 50 % della spesa ammissibile.

     

  • MISURA 6- Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese (art. 19)

    La misura 6 sostiene l’avviamento di nuove imprese condotte da giovani agricoltori e la creazione e lo sviluppo di imprese extra-agricole al fine di accrescere la competitività del tessuto produttivo agricolo regionale, migliorando le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola, e favorire lo sviluppo del tessuto economico delle zone rurali.

    La misura contribuisce con l’obiettivo di aiutare il rafforzamento competitivo delle aziende agricole attraverso la diversificazione delle attività, sostenere il ricambio generazione e l’insediamento di giovani agricoltori adeguatamente qualificati, supportare la diversificazione dell’economia agricola attraverso la creazione di nuove piccole imprese a sostegno delle filiere corte e dei mercati locali, migliorare la competitività dei produttori primari, sostenere iniziative per la realizzazione di impianti per la produzione e la vendita di energia da fonti rinnovabili,sostenere iniziative di start-up extra agricole, supportare investimenti funzionali all’avvio di attività di turismo rurale.

    SOTTOMISURA 6.1Aiuti all'avviamento di imprese da parte di giovani agricoltori

     

    BENEFICIARI

    Il sostegno è concesso ai giovani agricoltori

     

    COSTI AMMISSIBILI

    Non sono previsti costi ammissibili trattandosi di un sostegno forfettario.

     

    CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA'

    Per primo insediamento si intende l’assunzione, da parte del giovane agricoltore, della responsabilità o corresponsabilità civile e fiscale (insediamenti plurimi) per la prima volta della gestione di una azienda agricola e la titolarità o contitolarità (insediamenti plurimi) della stessa.

    Requisito sarà il possesso da parte del beneficiario di adeguate competenze professionali, può però essere consentito di soddisfare le condizioni relative all'acquisizione delle competenze professionali entro 36 mesi dalla data della decisione individuale di concessione del sostegno.

    Potranno essere ammessi a finanziamento anche insediamenti avvenuti nei dodici mesi antecedenti la presentazione della domanda.

    Si rende inoltre necessaria la presentazione di un  piano aziendale che  dovrà iniziare entro nove mesi dalla data della decisione con cui si concede l'aiuto. Il piano aziendale di impresa, dovrà consentire di valutare il miglioramento del rendimento globale dell’impresa.

    Il piano aziendale, inoltre, deve prevedere che il giovane agricoltore rispetti le condizioni previste dal regolamento sugli agricoltori in attività. 

     

    AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

    Il sostegno è concesso sotto forma di aiuto forfettario a fondo perduto.

    Il premio per l’insediamento è fissato in euro 40.000 per beneficiario da erogare in due rate:

    - la prima, pari al 60% dell’importo del premio, dopo l’atto di assegnazione del sostegno;

    - la seconda, pari al 40% a saldo, condizionata alla corretta attuazione del piano aziendale.

     

     

    SOTTOMISURA 6.2-Aiuti all'avviamento di attività imprenditoriali per attività extra-agricole nelle zone rurali

       

    BENEFICIARI

    Agricoltori o coadiuvanti familiari, che diversificano la loro attività avviando attività extra-agricole, micro e piccole imprese e persone fisiche.

     

    COSTI AMMISSIBILI

    Nella presente operazione non sono previsti costi ammissibili trattandosi di un sostegno forfettario. I costi ammissibili relativi all’attuazione del pacchetto start up extra-agricole sono quelli previsti nelle rispettive operazioni che concorreranno al pacchetto.

     

    AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

    Il sostegno è concesso sotto forma di aiuto forfettario a fondo perduto.

    L’importo dell’aiuto è pari euro 20.000 per beneficiario.

    L’aiuto è erogato in 2 rate. La prima rata è erogata immediatamente dopo l’approvazione del sostegno ed è pari al 60% del premio. La seconda rata è erogata dopo la verifica della corretta attuazione del Piano aziendale.

    Fatte salve le cause di forza maggiore, in caso di inadempienza, il premio sarà revocato e l’importo liquidato sarà oggetto di recupero.

     

    SOTTOMISURA 6.4.a) Supporto alla diversificazione dell’attività agricola verso la creazione e sviluppo di attività extra-agricole

     

    BENEFICIARI

    Agricoltori o coadiuvanti familiari

     

    COSTI AMMISSIBILI

    Sono ammissibili le seguenti spese:

    ristrutturazione, recupero, riqualificazione e adeguamento di fabbricati e manufatti aziendali esistenti, e delle relative aree di pertinenza;

    acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e mobilio da destinare allo svolgimento degli interventi di progetto;

    acquisto di hardware e software finalizzati alla gestione delle attività extra-agricole;

    realizzazione siti internet e di tutte le nuove forme di promozione online, ad esclusione dei costi di gestione;

    - l’installazione e ripristino di impianti termici e telefonici dei fabbricati, nonché la realizzazione di servizi e dotazioni durevoli necessari per l’attività da realizzare;

    - realizzazione di opere connesse al superamento di barriere architettoniche e di prevenzione dei rischi, rientranti nelle spese riguardanti il miglioramento del bene immobile;

    - opere e attrezzature connesse alle attività da realizzare: supporti audio-visivi e multimediali, cartelloni, mini laboratori da campo, kit didattici, arredi, allestimento di locali e spazi per la degustazione e assaggio di prodotti realizzati in azienda, punti commerciali aziendali destinati alla vendita di prodotti prevalentemente realizzati dall’impresa, giardini didattici;

    - impianti di raccolta, cippatura, pellettizzazione e stoccaggio di biomasse agro-forestali; centrali termiche con caldaie alimentate prevalentemente a cippato o a pellets;

    - impianti ausiliari finalizzati alla realizzazione delle tipologie previste ai punti precedenti e impianti di cogenerazione per la produzione combinata di elettricità e calore da fotovoltaico e minieolico con percentuale minima utilizzata di cogenerazione termica non inferiore al 40% ;

    - spese generali e di progettazione collegate alle spese di cui ai punti precedenti nel limite massimo del 12% dell’importo dell’investimento.

     

    SPESE NON ELEGIBILI

    Sono esclusi:

    - gli investimenti per la trasformazione e commercializzazione di prodotti compresi nell’Allegato I del trattato;

    - gli investimenti per le produzioni agricole. Le opere da realizzare devono essere destinate alle attività extra-agricole. Se le stesse si usano parzialmente per attività agricole, bisogna definirne l'aliquota e definire il costo sovvenzionabile;

    - gli impianti per la produzione di energie rinnovabili che prevedono il consumo di suolo.

    - gli impianti per la produzione di biodiesel.

     

     AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

     Il sostegno è concesso sotto forma di contributo in conto capitale.

    Il sostegno potrà essere concesso con le seguenti aliquote:

    - per le attività di agriturismo e di turismo rurale con un’intensità di aiuto del 45%;

    - per le attività di trasformazione di prodotti agricoli in prodotti non agricoli nelle zone rurali: con un’intensità di aiuto del 50% .

    - per le attività di produzione di energia rinnovabile, il sostegno previsto può essere concesso con gli aiuti “de minimis” con un’intensità di aiuto del 75%.

     Inoltre, in alternativa a di quanto sopra, il sostegno previsto in tutta l’operazione e può essere concesso con gli aiuti “de minimis” con un’intensità di aiuto del 75%.

    Nel caso di applicazione del regime de minimis l’importo complessivo dell’aiuto concesso ad un’impresa unica non può superare i 200.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari.

     

     

    SOTTOMISURA 6.4.b) Investimenti nella creazione e nello sviluppo di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili

     

    BENEFICIARI

    Microimprese e piccole imprese, Persone fisiche, Agricoltori e coadiuvanti familiari.

    Tali beneficiari devono avviare le attività imprenditoriali esclusivamente nelle zone rurali C e D.

     

    COSTI AMMISSIBILI

    Tra le spese ammissibili rientrano:

    - Ristrutturazione e miglioramento di beni immobili strettamente necessari ad ospitare gli impianti;

    - Opere murarie, edili e di scavo per la realizzazione delle reti di distribuzione;

    - Acquisto di nuovi impianti, macchinari, attrezzature e forniture per la produzione di energia compresi macchinari e attrezzature per la trasformazione della materia prima;

    - Acquisto di hardware e software inerenti o necessari all'attività;

    - Impianti di lavorazione di biomasse agro-forestali;

    - Centrali termiche con caldaie alimentate prevalentemente a cippato o a pellets;

    - Impianti per la produzione di biogas dai quali ricavare energia termica e/o elettrica;

    - Impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (fotovoltaico e minieolico) - non si potranno realizzare impianti fotovoltaici a terra;

    - Impianti ausiliari finalizzati alla realizzazione delle tipologie previste ai punti precedenti e impianti di co generazione per la produzione combinata di elettricità e calore;

    - Realizzazione e/o adeguamento di volumi tecnici e strutture necessari all’attività e di quanto necessario all’allacciamento alle linee elettriche;

    - Spese generali collegate alle spese di cui ai punti precedenti nel limite massimo del 12% dell’importo dell’investimento.

     

    SPESE NON ELEGIBILI

    Non è ammissibile l’acquisto di attrezzature di seconda mano.

    Sono esclusi gli impianti per la produzione di energie rinnovabili che prevedono il consumo di suolo.

    Non si potranno finanziare impianti per la produzione di biodiesel.

     

     AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

    Il sostegno è concesso sotto forma di contributo in conto capitale delle spese ammesse e realizzate.

    Il sostegno previsto sarà concesso con gli aiuti “de minimis” con un’intensità di aiuto del 75%. In tal caso l’importo complessivo dell’aiuto concesso ad un’impresa unica non può superare i 200.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari.

     

     

    SOTTOMISURA 6.4.c) Sostegno a creazione o sviluppo imprese extra agricole settori commercio artigianale turistico servizi innovazione tecnologica

     

    BENEFICIARI

    Microimprese e piccole imprese, Persone fisiche, Agricoltori e coadiuvanti familiari.

    Tali beneficiari devono avviare le attività imprenditoriali esclusivamente nelle zone rurali C e D.

     

    COSTI AMMISSIBILI

    Tra le spese eleggibili rientrano:

    - ristrutturazione, recupero, riqualificazione e adeguamento di  beni immobili strettamente necessari allo svolgimento della attività;

    - acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e mobilio da destinare allo svolgimento degli interventi di progetto;

    - acquisto di hardware e software finalizzati alla gestione delle attività extra-agricole;

    - realizzazione siti internet e di tutte le nuove forme di promozione online, ad esclusione dei costi di gestione;

    - nonché la realizzazione di servizi e l’acquisto di dotazioni durevoli necessari per l’attività da realizzare;

    - realizzazione di opere connesse al superamento di barriere architettoniche e di prevenzione dei rischi,rientranti nelle spese riguardanti il miglioramento del bene immobile, con conseguente innalzamento del livello di fruibilità;

     

    SPESE NON ELEGIBILI

    Non è ammissibile l’acquisto di attrezzature di seconda mano.

     AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

    Il sostegno è concesso sotto forma di contributo in conto capitale .

    Il sostegno previsto sarà concesso con gli aiuti “de minimis” con un’intensità di aiuto del 75%. In tal caso l’importo complessivo dell’aiuto concesso ad un’impresa unica non può superare i 200.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari.

     

  • MISURA 11 - Agricoltura biologica (art. 29)

    Nel contesto dello sviluppo rurale l'agricoltura biologica rappresenta un sistema di produzione sostenibile che contribuisce al miglioramento della qualità del suolo e dell'acqua, alla mitigazione e all'adattamento ai cambiamenti climatici e al miglioramento della biodiversità. Questo grazie al non uso di prodotti chimici di sintesi per difesa e fertilizzazione, alle rotazioni, all’uso di fertilizzanti organici ed al miglioramento della sostanza organica del suolo.

    La misura è finalizzata ad incoraggiare gli agricoltori verso la conversione all'agricoltura biologica e nel contempo al suo mantenimento, in risposta al crescente interesse della società per le pratiche agricole ecocompatibili.

     

    La misura contribuisce alla:

    -  salvaguardia, ripristino e miglioramento della biodiversità;

     

    -  migliore gestione delle risorse idriche, compresa la gestione dei fertilizzanti e dei pesticidi;

    -  prevenzione dell'erosione dei suoli e migliore gestione degli stessi,

    La presente misura inoltre contribuisce potenzialmente a:

     

    -  ridurre le emissioni di gas a effetto serra e di ammoniaca prodotte dall'agricoltura;

    -  promuovere la conservazione e il sequestro del carbonio nel settore agricolo e forestale.

    È  prevista l’attivazione delle seguenti operazioni:

     

    Sottomisura 11.1-  Pagamento al fine di adottare pratiche e metodi di produzione biologica.

     

    Sottomisura 11.2 - Pagamento al fine di mantenere pratiche e metodi di produzione biologica.

  • MISURA 16 - Cooperazione (art. 35)

    La misura 16 supporta ogni forma di cooperazione tra i diversi operatori delle filiere, inclusi gli operatori dei settori della trasformazione e della commercializzazione, o tra operatori che si occupano di tematiche trasversali di sviluppo, inclusi organismi professionali, organizzazioni interprofessionali, strutture di ricerca, soggetti erogatori di consulenza.

    La cooperazione contemplata dalla presente misura contribuisce alla realizzazione di progetti di sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie; alla cooperazione tra piccoli operatori per organizzare processi di lavoro in comune e condividere impianti e risorse e per lo sviluppo e/o commercializzazione di servizi turistici inerenti al turismo rurale;  alla cooperazione di filiera, per la creazione e lo sviluppo di filiere corte e mercati locali e attività promozionali a raggio locale connesse al loro sviluppo oltre che per l'approvvigionamento sostenibile di biomasse; alla stesura di piani di gestione forestale o di strumenti equivalenti;alla diversificazione delle attività agricole in attività riguardanti l’assistenza sanitaria,l’integrazione sociale, l’agricoltura sostenuta dalla comunità e l’educazione ambientale e alimentare e altre tematiche di cooperazione.

     

    È  prevista l’attivazione delle seguenti operazioni:

     

    Sottomisura- 16.1 - Sostegno per la costituzione e la gestione dei gruppi operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità dell'agricoltura;

    Sottomisura- 16.2 - Sostegno a progetti pilota e allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie;

    -  Sottomisura 16.3- Cooperazione tra piccoli operatori per organizzare processi di lavoro in comune e condividere impianti e risorse, nonché per lo sviluppo/la commercializzazione del turismo;

    Sottomisura 16.4 - Sostegno alla cooperazione di filiera, sia orizzontale che verticale, per la creazione e lo sviluppo di filiere corte e mercati locali e sostegno ad attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali;

    Sottomisura 16.6 - Sostegno alla cooperazione di filiera per l'approvvigionamento sostenibile di biomasse da utilizzare nella produzione di alimenti e di energia e nei processi industriali;

    Sottomisura 16.8 - Sostegno alla stesura di piani di gestione forestale o di strumenti equivalenti;

    - Sottomisura 16.9 - Sostegno per la diversificazione delle attività agricole in attività riguardanti l'assistenza sanitaria, l'integrazione sociale, l'agricoltura sostenuta dalla comunità e l'educazione ambientale e alimentare

Newsletter

Iscriviti per essere sempre informato